MusicaBuzz, Social Music Marketing

Fortnite è gratis, ma incassa 320 milioni al mese. Come copiare il modello in musica.

Il successo di Fortnite è clamoroso, soprattutto dal punto di vista finanziario, con una crescita economica mese per mese che fa apparire Pokemon Go un giochino senza futuro.

Vedi grafico qui sotto realizzato da Recode.

Come fanno le menti di Epic Games a far fruttare la parola gratis?

Attraverso il coinvolgimento diretto: pass per le nuove stagioni, elementi in vendita che possono essere le skin o nuove mosse.

Quello che Spotify e YouTube pensano sia il ‘coinvolgimento utente’ che si materializza attraverso la creazione di playlist, su Fortnite assume qualcosa di più profondo e intimo: io e il gioco. Sugli store digitali non esiste ‘io e l’artista’ (cosa che poi si concretizza nei live, ma diventa NOI e l’artista).

I ragazzi di MusicBusinessWorldwide vedono come azione simile a Fortnite la promo del nuovo album di Travis ScottAstroworld”, uscito ad Agosto e arrivato subito in vetta della Billboard  100.

Nella settimana di uscita, nello store del rapper era disponibile una nuova linea di merchandising, la Astroworld Merch Bundles Drop 4, disponibile solo per 24 ore. Ma dove è la musica? Esiste in un download code che veniva allegato ad ogni ordine, così come il pre-order dei biglietti per il successivo tour. Ogni ordine era un download del disco, totale = 537.000 album venduti, dei quali 270.000 in maniera ‘tradizionale’, e secondo MBW sono stati “heavily driven by this merchandising effort“.

Questo tipo di coinvolgimento ‘io/artista’ è più diretto di quello che posso avere su Spotify o YouTube, in più la musica diventa uno strumento con il quale entrare in contatto con qualcosa di fisico che non sia il CD o il vinile.

Fortnite insegna che i fan posso sostenere, anche in maniera diretta, i propri idoli.
Obbietterete che il gioco è una modalità decisamente più coinvolgente della musica.
Ma il musicista deve capire che ha comunque più potere dei vari Spotify o YouTube: prova ne sono i concerti e il merch, due elementi non gestiti dalla filiera digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *