Le Classifiche, MusicaBuzz

UPDATE 28/06/2017 – I Siti Musicali Più Influenti d’Italia: Giugno 2017

UPDATE: Il valore delle visite al sito di ImpattoSonoro.it è stato ricalcolato perché il dato che ho estratto da SimilarWeb era legato alle Google Analytics, al contrario di tutti gli altri dati.
Ecco lo screenshot del dato iniziale: TOTAL VISITS = 30.650

Ed ecco il dato scollegato dalle Google Analytics: TOTAL VISITS = 63.940

Il dato è alquanto differente, per questo ho dovuto rifare la classifica Totale:

ImpattoSonoro raggiunte ParkettChannel a quota 32 Punti, 14° posto, guadagnando una posizione sulla recedente classifica che ho comunque lasciato nell’articolo.

Di seguito la classifica aggiornata anche per le visite (con il nuovo dato):

In questa classifica, ImpattoSonoro passa dall’ultima posizione alla 16°.
Di seguito l’articolo originale pubblicato il 15 giugno 2017.

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Da quanto ho iniziato queste classifiche, ho dato sempre come valore principale le visite al sito, perché è l’autorevolezza di una testata a creare valore, non soltanto (o principalmente) il lavoro sui social.

Questo non è luddismo digitale, ma è la forza e la riconoscibilità di un marchio legato a un determinato flusso di informazioni.

Faccio questa breve introduzione perché per la prima volta assisto a una crescita impressionante da parte di RockOl che da Febbraio a fine Aprile ha guadagnato ben 1 milione di nuovi lettori sul sito ufficiale

Questo lavoro non proviene esclusivamente  da un’abile utilizzo del SEO, ma da un perfetto mix tra tecnologia e contenuti: “Ad esempio il SEO è in essere da molti anni” ci spiega Giampiero Di Carlo, editore e amministratore delegato di RockOl.it Come la tecnologia AMP di Google collegata alle nostre news, esperimento che ha portato una notevole crescita. Allo stesso tempo qualche accorgimento User Experience e redazionale ci ha permesso di ricalibrare la nostra offerta. Tra le sezioni cresciute di più c’è quella delle recensioni, sia perché collegate alle notizie, sia per il notevole sforzo numerico, passando dalle 40/mese alle oltre 100/mese dell’ultimo periodo.

Altra grande impresa è stata realizzata da DSLO, che lato Facebook ha incrementato il like alla pagina di ben 36.000 utenti (ad esempio RockOl è cresciuta solo di 5.000 like), azione che li ha premiati anche lato TalkAbout portandoli in seconda posizione nella speciale classifica. La crescita su Facebook si è accompagnata e ha accompagnato una crescita di visite sul sito ci ha spiegato Gianluigi Peccerillo, direttore di DLSO Abbiamo usato ADV su Facebook e contestualmente sviluppato dei contenuti che potessero essere interessanti e unici per offrire qualcosa di nuovo alle persone raggiunte. Facciamo questo tipo di lavoro sin dai primi mesi del 2017 trovando l’apice tra aprile e maggio grazie a una serie di contenuti divenuti abbastanza virali.

Andiamo subito a vedere i dati, ricordando ai nuovi lettori che: i siti presi in esame sono solo siti web, no blog o pagine associati a riviste musicali, radio o TV.
Sono state fatte 4 classifiche differenti: Web (visite uniche), Facebook, Twitter e “Persone che ne parlano” (talkabout).
Alla prima di ogni classifica sono astati assegnati 20 punti, alla seconda 19, alla terza 18 e così via fino all’ultima con 1 punto.
Le visite al sito sono stime pubblicate da SimilarWeb.

  1. CLASSIFICA GENERALE

Come possiamo vedere RockOl sta staccando piano piano RockIt che in due anni, da Giugno 2015, ha perso la prima posizione e sta per essere insidiato da OnStageWeb; ovviamente va aggiunto che RockIt è una testata verticale, mentre RockOl e Onstage sono più orizzontali e generiche. Come anticipavamo nell’introduzione il salto di DLSO su Facebook ha fatto guadagnare ben 4 posizioni nella chart generale, mentre a fare passi indietro sono MetalItalia (-2), OndaRock (-2), AllMusicItalia(-2), SoundsBlog (-3), VelvetMusic (-3) eRadioMusik (-3).

 

  1. CLASSIFICHE VISITE AL 1° MAGGIO 2017

Per capire meglio questo tipo di risultato vi mostro la differenza di visite utenti da Febbraio 2017.

Della galoppata di RockOl ne abbiamo già parlato; il passo indietro di SoundsBlog altrettanto incredibile, buona invece la progressione di MetalItalia.

  1. FACEBOOK (i dati fanno riferimento al 14 giugno 2017)

OnStage e SpazioRock si contendono la leadership in questa speciale classifica staccando il resto del gruppo di 80.000 like. E se DSLO è il sito ad aver guadagnato di più (36.000 like), SoundsBlog è l’unico che ha perso fan, bel 139 negli ultimi 2 mesi (non è un numero impressionante, ma è difficilissimo PERDERE fan). Buona la crescita di ParkettChannel che guadagna quasi 10.000 nuovi fan.

 

  1. FACEBOOK TALKABOUT

Dopo anni di classifiche possiamo chiamare questa la SpazioRock Chart perché è sempre stato in vetta; ma nel confronto con quella relativa a Febbraio è RockOl ad aver avuto una crescita maggiore con una media di +7295 in più.

 

  1. TWITTER FOLLOWERS

Anche se un po’ di coolness la sta perdendo,Twitter rimane un ottimo strumento per chi fa informazione. AllMusicItalia si conferma il sito con la percentuale di crescita maggiore con un +1354 nell’ultimo periodo, seguito da RockIt (+929) e RockOl (+907) che svetta anche nella classifica per numero di follower.

 

2 Comments on “UPDATE 28/06/2017 – I Siti Musicali Più Influenti d’Italia: Giugno 2017

  1. Volevo lasciare uno spunto di riflessione riguardo alla classifica generale. Porto la mia esperienza di editore di Radiomusik, che con scarsi mezzi deve forzatamente puntare su un settore specifico non potendo curare tutto. Tra i settori delineati noi abbiamo puntato tutto sulle visite al sito tralasciando completamente twitter (non serve a niente) e la pagina facebook (ma i nostri pezzi sono molto condivisi nei gruppi). Alla fine sarebbe bello poter curare tutto, ma dovendo scegliere è molto meglio fare visite che ottenere follower che spesso non portano niente o quasi. Questo per dire che mi sembrerebbe più giusto dare un peso maggiore alle visite nella classifica generale (tipo punteggio x2 se non x3) perchè alla fine lo scopo di tutto è fare pagine viste e la parte social è solo funzionale a questo aspetto principale, anche per determinare l’influenza del sito. My two cents 🙂

    1. Ciao Luca,
      ho capito.
      Purtroppo viviamo in una società dove tutto vive sui social che muovono, in media, dal 60 al 70% dei click in entrata.
      Diventano quindi un requisito fondamentale, al pari delle visite organiche.
      Su Twitter hai ragione, credo che dalla prossima classifica lo affiancherò a Instagram che sta piano piano prendendo il suo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *