Le Classifiche, MusicaBuzz

Quali sono i siti/blog musicali più influenti in Italia? La classifica.

siti-musicali

Lo scorso anno The Style of Sound ha pubblicato la lista dei blog musicali più influenti al mondo. Pitchfork, Consequence of Sound, Tiny Mix Tapes, Resident Advisor, Stereogum, The Line Of Best Fit, Your EDM,Popjustice, Dancing Astronaut e Drowned in Sound sono i primi 10.

Le regole si Style of Sound sono state: solo siti web, no blog associati a riviste musicali, radio o TV.

In questo link la lista dei primi 20 internazionali.

Adesso passiamo alla classifica dei top 12 italiani, per numeri web.

———————

Anche in questo caso sono stati presi in considerazione i siti non associati a riviste musicali, radio o TV.

Per i numeri web è stato utilizzato SimilarWeb.com mentre per quelli social NextBigSound.com.
Nei dati Facebook sono stati inseriti anche quelli relativo a “Persone che ne parlano” (talkabout), per il tipo di interazione che gli utenti hanno con la pagina (like, condivisioni, commenti).

CLASSIFICA GENERALE

Sono state fatte 4 classifiche differenti: Web, Facebook, Twitter e “Persone che ne parlano” (talkabout).
Alla prima di ogni classifica sono astati assegnati 12 punti, alla seconda 11, alla terza 10 e così via fino all’ultima con 1 punto – inseriti tra parentesi accanto alla posizione della classifica.

sito web Facebook Twitter talkabout  TOTALE
RockIt 4° (9) 2° (11) 2° (11) 2° (11) 42
Rockol 2° (11) 4° (9) 1° (12) 4° (9) 41
Ondarock 3° (10) 5° (8) 3° (10) 6° (7) 35
SentireAscoltare 5° (8) 6° (7) 4° (9) 3° (10) 34
Spaziorock 10° (3) 3° (10) 8° (5) 1°(12) 30
Deerwaves 7° (6) 8° (5) 10° (3) 5° (8) 22
DanceLikeShaquilleONeal 9° (4) 9° (4) 6° (7) 7° (6) 21
SoundWall 6° (7) 7° (6) 7° (6) 11° (2) 21
AmoLaMusica 12° (1) 1° (12) 11° (2) 8° (5) 20
Indie-Rock 8° (5) 11° (2) 5° (8) 10° (3) 18
Soundsblog 1° (12) 12° (1) 9° (4) 12° (1) 18
ParkettChannel 11° (2) 10° (3) 12° (1) 9° (4) 10

CONCLUSIONI

I due principali siti musicali, RockIt e RockOl si aggiudicano la vetta della classifica con un solo punto di stacco, lasciando a OndaRock il terzo posto con un solo punto di differenza da SentireAscoltare.

Buona la 5° piazza per SpazioRock che è addirittura primo nella chart Talkabout.

Ci sono anche dei veri e propri casi, come per SoundsBlog, che risulta essere al primo posto per visite al sito (che tratta principalmente di talent show musicali) ma che risulta ultimo per Fan di Facebook e il relativo TalkAbout.

RockIt e Rockol si dimostrano quindi i due siti di riferimento più affidabili soprattutto per quanto riguarda il mediamix comunicativo.

PS: non è stato incluso Music.Fanpage in quanto non dispone della propria pagina Facebook e account Twitter, ma fanno riferimento al portale Fanpage (spettacoli per FB e generale per TW). Per dovere di cronaca riporto che Music.FanPage si piazzerebbe al 5° posto nella classifica di visite uniche per il sito web con una stima di 240 mila/mese.

11 Comments on “Quali sono i siti/blog musicali più influenti in Italia? La classifica.

  1. Dati interessanti, ma All Music Italia, il sito nato da uno circa sulla sola musica italiana che a dispetto del nome non è legato al canale tv chiuso ormai da anni come si colloca in questa classifica? Perché un sacco di miei amici lo leggono e condividono spesso e mi sembra ben piazzato anche sui social.
    Grazie per la risposta.

  2. solo una postilla metodologica
    Fan (fb) e i follower (Tw) possono essere una metrica ma non così affidabile:
    caso AmoLaMusica, primo su fb con utenti poco coinvolti (8 posto)… può essere che abbia di recente fatto una campagna like, nella migliore delle ipotesi, e che presto quei like se ne andranno…

    Penso che il “coinvolgimento” debba pesare molto di più dei fan, per ottenere una classifica davvero corretta.

    1. Si, infatti se guardi sia AmoLaMusica sia Soundsblog hanno dati completamente invertiti. Se hai 700 mila fan ma ti commentano solo in 3 hai un problema, così se ricevi 500 mila utenti al mese ma nessuno parla di te. Si tratta anche di scelte editoriali: parlare esclusivamente di talent show ti può portare un beneficio illusorio, ma non ti costruisce intorno una buona reputazione nel mondo degli appassionati di musica. Magari sì in quello della televisione, ma sono due media e due mondi molto differenti tra loro.
      Tu dici di ponderare i punteggi?

      1. Ciao Fabrizio, non mi intendo di statistica né di social, ma a sentimento direi di si.
        Anche io penso si tratti di derivazioni di scelte editoriali: spaziorock o soundwall, così come rockit, si rivolgono a nicchie, invece di puntare alla massa, e di ritorno hanno un pubblico molto coinvolto.

        Se le classifiche possono servire ad indirizzare investimenti pubblicitari, come nei casi di auditel radio monitor eccetera, ecco, se fossi un investitore preferirei spendere i miei soldi affinché la pubblicità arrivi ad un pubblico attento invece che ad uno distratto (secondo alexa.com, su amolamusica un utente medio passa 0.51 secondi, su ondarock 6 volte tanto).

        Poi, come nota personale, sono un’operatrice settore musicale, e non ho mai sentito parlare di amolamusica, ma potrebbe anche essere una leggerezza mia.

        Ciao!

        1. Non sei la prima! Ho inserito Amo La Musica esclusivamente per il numero di fan su FB. Ma come vedi il suo risultato generale non è comparabile con gli altri. Il valore takabout è la riprova di quanto riesci a coinvolgere la fanbase.

  3. Da Fotografo di Spaziorock vi ringrazio per questa classifica, diamo il nostro meglio senza cercare la guerra tra altre realtà, la musica è anche comunità.
    Per il resto continuate a seguirci ;D

  4. Non mi sembra che rock.it sia di “nicchia”..anzi..affronta la musica a 360° con informazioni ricche in tutti i campi e settori. Di “nicchia” sarebbe parlare solo di un determinato settore o genere musicale che interesserebbe appunto ad una nicchia di utenti. Poi in particolare per Amolamusica non mi sembra si parli solo di tv o generi più pop-olari. Da un anno a questa parte puntano molto sulla musica emergente e c’è anche una classifica in partnership con il MEI che approfondisce questo tipo di musica meno conosciuta. Le interviste e le recensioni sono riferite più a questo tipo di musica che ad altro. Poi per interazioni e coinvolgimento in generale si dovrbbe capire, come detto sopra, la linea editoriale di ciascun sito. C’è chi punta più sull’onda talent e chi no, o chi ha le forze e le opportunità per scrivere di tutto. =D Ad ognuno il suo seguito! Grazie comunque per il lavoro di ricerca che si sta cercando di attuare.

    1. Ciao Anonimo.
      Non mi è sembrato di scrivere che RockIt sia di nicchia. E comunque lo è, perché da notizie di musica italiana appartenente allo scenario alternativo. Ma lo fa bene, per questo è tra le più seguite.
      Per Amolamusica il discorso è inverso. Vogliono moto pubblico, ma evidentemente non lo fanno nel modo giusto: la loro pagina FB ha più di 688.000 fan, ma i post hanno una bassissima interazione.
      Non voglio discutere la linea editoriale, ma quanto questa sia efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *